venerdì 20 aprile 2012

AUTISMO DA VACCINI? ANCHE LA CORTE DI APPELLO DI MILANO CONFERMA IL NESSO.

AUTISMO DA VACCINI? ANCHE LA CORTE DI APPELLO DI MILANO CONFERMA IL NESSO.

Ritiene la scrivente (Giudice) di non poter condividere l'opinione negativa espressa dal CTU in ordine alla sussistenza del nesso causale fra la patologia accertata (Encefalopatia con tratti AUTISTICI) e le vaccinazioni somministrate, in ragione delle considerazioni che seguono (...)
l'individuazione del rapporto di causalità che attiene ad
un evento lesivo collegato all'esecuzione di terapie mediche o di interventi chirurgici deve essere effettuata, non solo con criteri giuridici, ma anche tenendo conto delle nozioni della patologia medica e della medicina legale,
per cui la possibilità teorica di un margine inevitabile di relatività non può, di per sé sola invalidare un accertamento basato sulla corrispondenza di alcune affezioni a un determinato meccanismo causale, in assenza di qualsiasi altra causa patogena.
Inoltre si deve tener conto del fatto che in campo biopatologico, è
estremamente difficile raggiungere un grado di certezza assoluta e, pertanto, la sussistenza del nesso causale fra un determinato antecedente e l'evento dannoso ben può essere affermata in base ad un serio e ragionevole criterio di probabilità scientifica, soprattutto quando manca la prova della preesistenza
della concomitanza o della sopravvenienza di altri fattori determinanti.
E' di esperienza comune, infine, come nella realtà medica non accade quasi mai che intervenga un'unica causa nella determinazione di una patologia, accade molto più spesso che il danno sia provocato dal verificarsi di una serie di concause, in altre parole nella eziologia delle malattie i fattori sono spesso
plurimi. (...)
Ritiene dunque la scrivente (Giudice) che sia sufficiente a provare la sussistenza del nesso eziologico una "ragionevole probabilità" unitamente alla mancanza di prova di altre (con)cause determinanti. 
Tribunale di BUSTO ARSIZIO, 2 Dicembre 2009, CORTE DI APPELLO DI MILANO, 28 Marzo 2012.
· ·

Nessun commento:

Posta un commento