lunedì 29 dicembre 2014

Una rivoluzione copernicana in tema di Sanità


il recente proliferare delle malattie autoimmuni, ambientali ed alimentari sta rendendo sempre più evidente alla platea delle famiglie la necessità di una inversione di rotta nelle scelte di politica sanitaria, consistente nel passaggio da una concezione "negativa" della salute, conculcata dai media, in cui è centrale la sedazione rapida dei meri sintomi di una malattia che, a causa di tale superficiale prassi, non viene indagata a fondo continuando a danneggiare l'equilibrio psicofisico del malcapitato di turno, ad una concezione di tipo positivo, in cui la tutela della salute avviene sia preventivamente, con il contrasto delle situazioni di rischio, che successivamente, attraverso la ricerca delle reali cause del disturbo, nella prospettiva di un approccio multidisciplinare che consenta l'effettività e l'efficacia permanente delle cure.
del resto, la prospettiva testé riferita è la stessa che si evince dalla lettura del preambolo dell'atto costitutivo della Organizzazione Mondiale della Sanità!
l'eredità di Poggiolini, oltre a ciò, sembra non avere insegnato nulla alla classe politica italiana. anche sotto questo aspetto bisogna correre ai ripari, poiché la Magistratura ha sancito il fallimento del modello di gestione della spesa sanitaria degli esercizi regionali (più della metà delle Regioni italiane sono commissariate, in tema di sanità) e gli organi indipendenti di controllo della Sanità pubblica hanno denunciato la recrudescenza quasi inarrestabile del fenomeno della corruzione, che solo nel 2013 è costata alla nostra comunità 23,6 Miliardi di Euro (fonte: Libro Bianco ISPE; la corruzione incide per 6,4 miliardi, a cui vanno sommati 3,2 miliardi di inefficienza e 14 miliardi di sprechi).
auspico per il nuovo anno l'instaurazione di tavoli di lavoro, conferenze e pubblici dibattiti sul tema della "nuova" medicina, più aperta alle buone pratiche di prevenzione e di terapia multidisciplinare, in cui si mettano da parte interessi meschini "di bottega" e trovi invece un posto centrale la salute delle persone, e in particolare dei bambini, l'unica speranza di un futuro migliore che una società corrotta e sempre più piegata dalle malattie può, realisticamente, continuare a nutrire...

Nessun commento:

Posta un commento